TUTTOAGRARIA
Vuoi reagire a questo messaggio? Crea un account in pochi clic o accedi per continuare.
Accedi

Ho dimenticato la password

Ultimi argomenti
» Come moltiplicare la lavanda
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptySab Mag 23, 2020 7:27 am Da agronomo

» Sovescio oliveto
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyVen Mag 22, 2020 6:51 am Da iaconolombardi

» Libri consigliati
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyVen Mag 22, 2020 6:41 am Da Sabrina1978

» Bando per l'abilitazione e bando per il ruolo programmi da studiare e decreto B011
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyGio Mag 21, 2020 9:14 am Da Sabrina1978

» Kit per coltura in verticale per balcone
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyMer Mag 13, 2020 7:20 pm Da giusta

» Albicocco attaccato da afidi
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyMer Mag 13, 2020 2:46 pm Da giusta

» Pesciolini d’argento
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyMer Mag 13, 2020 7:30 am Da samuele

» Classe B- 11 ITP come si accede
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyMer Mag 13, 2020 7:26 am Da arielcasa

» Come eseguire la moltiplicazione delle Hosta
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyMar Mag 12, 2020 7:50 am Da giovanni79

» Menta invasa da insetti
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 11, 2020 7:55 am Da giovanni79

» Sapete dirmi il nome di questa pianta spontanea
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyDom Mag 10, 2020 12:38 pm Da massimiliano

» Coltivazione piante grasse
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyDom Mag 10, 2020 12:30 pm Da ludovico

» Feromone per nottue
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyDom Mag 10, 2020 12:19 pm Da Sara

» L'allevamento della gallina ovaiola
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyMar Mag 05, 2020 8:04 pm Da gino21

» Condivisione materiale di studio B011 ITP
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 04, 2020 5:07 pm Da Sabrina1978

» Potatura lamponi
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 04, 2020 7:15 am Da tuttoagraria

» Potatura mirtillo
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 04, 2020 7:15 am Da tuttoagraria

» Substrato per mirtilli
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 04, 2020 7:11 am Da tuttoagraria

» Quante prove si devono superare classe di concorso B011
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 04, 2020 6:58 am Da tuttoagraria

» Mi presento
FAQ:Classificazione delle cesoie EmptyLun Mag 04, 2020 6:51 am Da lorenzobaglio

Ottobre 2020
LunMarMerGioVenSabDom
   1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031 

Calendario Calendario

Tuttoagraria

Tuttoagraria

TuttoAgraria
PER CHI DESIDERA CONTATTARE DIRETTAMENTE l'amministratore di TuttoAgraria
LA LUNA OGGI
Sito di qualità
I postatori più attivi del mese

Parole chiave

forum  forbici  pero  potatura  malattie  disinfezione  


InsectShop

Realizzo e vendo Cassette entomologiche
con tutti gli ordini da voi richiesti.


insect_shop@hotmail.com

Blog:

Richiedi subito un preventivo cliccando
sul seguente link:

Cellulare: 3489188759




Ads

FAQ:Classificazione delle cesoie

Andare in basso

FAQ:Classificazione delle cesoie Empty FAQ:Classificazione delle cesoie

Messaggio Da carletto il Dom Feb 05, 2012 10:21 pm

La cesoia, una delle macchine più utilizzate dall'uomo, è basata su di un semplicissimo sistema di leve, agevola e velocizza il taglio di molteplici materiali.
Ha la sua massima diffusione d'impiego in agricoltura (olivicoltura, viticoltura, frutticoltura) e nel settore vivaistico (giardinaggio ed altre cure colturali alle piante ornamentali); solo marginalmente è impiegata nel settore forestale.
Nel settore agricolo e forestale è impiegata principalmente per la potatura di allevamento e mantenimento delle piante, soprattutto su rami giovani o comunque con diametro in media non superiore ai 35 mm.
Il taglio che effettua la cesoia avviene in direzione perpendicolare alle fibre e lascia una superficie di taglio liscia senza sfrangiature.
La macchina è sostenuta dall'operatore con una sola mano sull'apposita impugnatura, solo nel caso di cesoie montate su aste è necessario l'utilizzo di entrambe le mani. Le prime cesoie erano esclusivamente azionate dalla forza umana, solo negli ultimi decenni si è assistito all'avvento nel settore agricolo di cesoie idrauliche, pneumatiche ed elettriche.
Strutturalmente la cesoia si compone di due lame (o più propriamente un tagliente ed un battente), di cui una fissa ed una mobile; la lama mobile ha il fulcro di rotazione posto sulla lama fissa, che le permette una rotazione massima di circa 50°, variabile da modello a modello. Il prolungamento oltre il fulcro della lama mobile costituisce il braccio della leva ed è su quest'ultimo che agisce la forza di spinta sprigionata dai vari sistemi di azionamento impiegati.
I modelli di lame utilizzati sono realizzati soprattutto tenendo in considerazione l'utilizzo a cui sono destinati.
- Le più classiche e versatili sono costituite da una lama non tagliente che funge da battuta fissa e da una mobile tagliente. Questo modello nelle forme più o meno affusolate, robuste e grandi consente tagli massimi prossimi ai 40 mm su legni non particolarmente duri e causa inoltre un leggero danneggiamento alla pianta nella zona in cui il battente fa presa sul legno.Il loro principale utilizzo è per la potatura di frutteti, vigneti o giardinaggio: se dotate di asta, i diametri di taglio si riducono vista la maggiore difficoltà nel tenere la forbice ben aderente al ramo. La manutenzione da praticare scrupolosamente a queste lame consiste nell'affilatura del tagliente da una sola parte (quella smussata) garantendo un angolo di affilatura costante di 45° e la registrazione delle lame che deve consentire a queste il solo movimento di taglio senza il minimo gioco laterale.
-Un altro modello di lame è costituito dalle cosiddette doppio taglio questo è formato da due lame identiche e speculari, di cui una mobile e l'altra fissa che presentano l'affilatura da un solo lato. La loro capacità massima di taglio si aggira intorno ai 35 mm su qualsiasi tipo di legno; esse sono in grado di ridurre al minimo il danneggiamento della pianta, poichè il taglio è a superficie liscia e senza sfrangiature, favorendo così la rapida cicatrizzazione della ferita. Sono impiegate soprattutto da personale esperto ed esigente circa la qualità del taglio, principalmente sulle piante da frutto che sono particolarmente delicate. Il loro impiego su aste è sconsigliato poichè riducendosi la precisione e la stabilità nel posizionamento delle lame, danno origine a tagli imperfetti con sfrangiature di difficile cicatrizzazione. La manutenzione richiesta consiste nell'affilatura di entrambe le lame taglienti da una sola parte (quella smussata), garantendo un angolo di affilatura costante di 45° e nella registrazione delle lame che deve consentire a queste il solo movimento di taglio senza il minimo gioco laterale.
- Altri due modelli di cesoie sono soprattutto utilizzati con aste telescopiche per le potature alte, vista la loro potenza e stabilità nel taglio; quindi due modelli sono spesso definiti anche troncarami ed hanno una capacità di taglio che si aggira intorno ai 60 mm. Il modello più classico presenta una lama battente fissa incurvata a forma di uncino ed una lama tagliente mobile.
La particolarità consiste nella conformazione ad uncino del battete, che permette un ottimo ancoraggio al ramo in qualsiasi situazione ed una distribuzione lungo l'asta di un solo sforzo di trazione, garantendo la stabilità della cesoia durante il taglio. La manutenzione e gli accorgimenti sono gli stessi indicati per le cesoie normali.
I sistemi di azionamento maggiormente impiegati per le cesoie sono di tipo pneumatico ed elettrico, con una piccola percentuale di tipo idraulico. Nel caso di cesoie pneumatiche il cui movimento è garantito da un cilindro pneumatico ed una molla posti all'interno dell'impugnatura, l'azionamento è assicurato da una corrente di aria compressa il cui afflusso è regolato dalla leva di azionamento. L'impianto di azionamento deve essere costituito da un generatore di aria compressa(compressore) azionato tramite la presa di potenza di trattori o con motore autonomo e collegato alle cesoie per mezzo di un tubo di gomma adatto a forti pressioni.
Le cesoie elettriche sono invece mosse da un motore elettrico anch'esso racchiuso all'interno dell'impugnatura che aziona la lama. L'alimentazione è garantita da una batteria a basso voltaggio che è normalmente portata dallo stesso operatore per mezzo di una cintola o un zainetto e collegata alle cesoie tramite un cavo elettrico.
Le cesoie idrauliche sono mosse da un martinetto idraulico a doppio effetto posto all'interno dell'impugnatura, il cui azionamento è garantito da una pompa in grado di comprimere l'olio posto nel circuito con elevate pressioni. La pompa a sua volta è azionata direttamente dalla trattrice tramite la sua presa o da un motore autonomo spalleggiato o portato su apposito carrello

carletto
Membro
Membro

Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 31.01.12
Età : 38
Località : Gorlago (BG)

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi in questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum.